Progetto ISANGE

PROGETTO ISANGE (accoglienza) costruzione di una casa alloggio per 24 studenti

La Casa degli studenti verrà intitolata a “Giovanni Branchi”, vicepresidente della Onlus, deceduto il 16 marzo a causa del coronavirus e che ha sempre creduto nell’importanza di sostenere i giovani affinché avessero un futuro migliore.

OBIETTIVO € 51.220
RACCOLTO € 16.100

 

Il Governo locale, in seguito all’apertura di cinque alberghi internazionali nell’ex capitale del Burundi , Bujumbura, ha chiesto alle Suore Operaie la possibilità di attivare un percorso triennale di formazione, riconosciuto dal Ministero dell’Educazione, al fine di istruire dei giovani che, acquisendo una professionalità specifica, possano poi essere assunti nelle strutture alberghiere.

Obbiettivo del progetto

Troppo spesso i giovani non possono seguire i corsi a causa delle distanze tra l’abitazione e la scuola.
Le Suore Operaie vedono la necessità di costruire una casa/alloggio affinché i ragazzi possano continuare a frequentare la scuola senza interromperla per mancanza di denaro e di un posto dove sistemarsi.

La casa con le sue stanze, la sala studio, la cucina, 4 bagni e 4 docce garantirebbe a 24 ragazzi un tetto sotto cui stare e soprattutto garantirebbe loro una speranza per il futuro in un Paese martoriato da una situazione politica instabile che porta spesso alla guerra.

Il terreno su cui sorgerà la casa è già stato acquistato dalla Congregazione delle Suore Operaie. Per la costruzione della casa servono € 44.040 a cui si aggiungono € 2.393 per attrezzare la cucina e il magazzino e € 4.787 per l’impiantistica dei bagni e delle docce.
(cambio valuta franchibu al 18/11/2019)